Generazione Cerone

Agrivoltaico: come il solare e l'agricoltura possono andare di pari passo 

10 luglio 2023
Approfondimenti

Innanzitutto, una riflessione su dove siamo  

Nel corso degli ultimi due anni, abbiamo assistito a picchi senza precedenti nelle bollette energetiche ea un sistema energetico dettato da prezzi volatili e filiere fragili. Ciò ha sottolineato in modo drammatico l'importanza di passare all'energia prodotta in casa, innescando livelli record di generazione di energia rinnovabile in tutta Europa. 

Lo sviluppo del solare sta crescendo a un ritmo esponenziale, con la recente tecnologia che aumenta la consapevolezza dell'importanza dell'energia solare nel raggiungere lo zero netto. Attualmente, il Regno Unito regge 15 gigawatt di capacità di energia solare, e il governo spera di portarla a 70 GW entro il 2035. Quest'anno, è probabile che gli investimenti nell'energia solare eclissino per la prima volta gli investimenti nella produzione di petrolio, secondo il AIE

È sicuro affermare che il viaggio net zero ha accelerato la marcia.  

Come il tecnologia energetica in più rapida crescita, il solare è ora sotto i riflettori. E da un lato, sta iniziando a ricevere il riconoscimento che merita. Ma dall'altro, con lo sviluppo di un numero crescente di parchi solari, sono divampate idee sbagliate sulla tecnologia. 

Il mito: le fattorie solari occupano terreni produttivi preziosi e sostituiscono i raccolti 

L'uso del suolo è un argomento di discussione sempre controverso in Europa e uno dei malintesi più comuni è che le fattorie solari occupino terreni produttivi preziosi e sostituiscano i raccolti, mettendo a rischio la sicurezza alimentare. In alcuni casi, ciò ha suscitato resistenza nei confronti dei parchi solari da parte delle comunità locali, che si sono opposte attivamente a piani su questa base.  

Ad esempio, nel Regno Unito, è stato formato il Mallard Pass Action Group per opporsi a un parco solare che potrebbe generare abbastanza elettricità per alimentare 92.000 case. Nonostante l'importanza del progetto, il Mallard Pass Action Group ha citato alcune preoccupazioni riguardo alle proposte, una delle quali riguardava l'impatto sulla sicurezza alimentare. A suo avviso, le politiche messe in atto dal governo del Regno Unito per promuovere la produzione di energia rinnovabile sono in contrasto con altri obiettivi relativi alla produzione e alla sicurezza alimentare interna, una preoccupazione importante alla luce della spirale dell'inflazione in tutta Europa. Ciò è presumibilmente dovuto al fatto che alcune energie rinnovabili, come le fattorie solari, si trovano su terreni altrimenti necessari per coltivare colture.  

Preoccupazioni simili sull'impatto del solare sull'agricoltura e sulla sicurezza alimentare sono state espresse in Spagna, dove il gruppo di opposizione Aliente si è opposto alle fattorie solari che “rovinare l'agricoltura”, e in Italia, attivisti locali e alcuni politici si sono mobilitati contro progetti che “invadere terreni agricoli”. 

Nel Regno Unito l'attivismo locale si è esteso alla sfera politica, tanto che nell'ottobre 2022 il ministro dell'Ambiente proposto vietare le fattorie solari dalla maggior parte dei terreni agricoli inglesi.  

L'apice dell'affermazione che il solare sostituisce i raccolti è l'idea che il solare e l'agricoltura si escludano a vicenda. Tuttavia, questo è lontano dalla realtà! 

Agrivoltaico 

Le fattorie solari non hanno bisogno di sostituire le colture: le due cose possono andare di pari passo con l'agrivoltaico. Le fattorie solari agrivoltaiche condividono l'uso di terreni agricoli sia per la produzione di energia solare che per la coltivazione di colture. Le colture vengono coltivate sotto pannelli solari fotovoltaici con spazio sufficiente per il passaggio delle macchine agricole. Anche se nella loro infanzia, i parchi solari agrivoltaici stanno diventando sempre più conosciuti e implementati in tutta Europa, e hanno il potenziale per affrontare questo conflitto. Recentemente, Solar Power Europe ha prodotto nuove linee guida per l'agrivoltaico, pensato per supportare gli stakeholder in tutte le fasi del ciclo di vita del progetto. La guida affronta gli insegnamenti chiave dei progetti esistenti e attinge all'esperienza passata per dimostrare la crescente importanza dell'agrivoltaico.  

[Fonte: dezeen – I parchi solari agrivoltaici offrono vantaggi “scioccanti” oltre alla produzione di energia

La coltivazione di colture sotto i pannelli solari fotovoltaici ha dimostrato di avere molti vantaggi. I pannelli solari rialzati possono proteggere le piante da condizioni meteorologiche avverse come il calore eccessivo, il freddo e i danni dei raggi UV, spesso con conseguenti rese più elevate per gli agricoltori. In uno studio, l'agrivoltaico ha triplicato la resa dei peperoni, mentre un altro suggerisce che su larga scala l'agrivoltaico potrebbe aumentare la produttività globale della terra da da 35% a 73%.  

Inoltre, l'evaporazione delle piante e del suolo agisce per raffreddare i pannelli solari fotovoltaici, aumentandone l'efficienza e aumentando la quantità di elettricità che possono produrre. Anche gli agricoltori traggono vantaggio da questi vantaggi reciproci, poiché i parchi solari agrivoltaici offrono la possibilità di generare reddito sia dalle colture che dall'energia prodotta sulla loro terra.  

Zero fa strada 

E possiamo dirtelo noi stessi. Cero ha attualmente due progetti solari fotovoltaici agrivoltaici nella nostra pipeline.  

Il nostro primo, Pontinia, si trova nella provincia di Latina, nel Lazio, ed è tra i primi impianti agrivoltaici su larga scala del Paese. Oltre a generare abbastanza elettricità rinnovabile per alimentare l'equivalente di oltre 47.000 abitazioni, evitando circa 40.000 tonnellate di CO2 all'anno, 65% del terreno su cui si trova Pontinia saranno utilizzati anche per colture agricole. 

Un impatto ancora più positivo sarà ottenuto attraverso la collaborazione tra Cero e una fattoria sociale, che impiega membri della comunità vulnerabili e socialmente esclusi per sostenerli nel loro reinserimento. La fattoria sociale coltiverà colture in tutto il sito utilizzando metodi biodinamici e a basso consumo di carburante. 

Intanto progetto Castrum, situato nel Comune di Montalto di Castro, nel Lazio, genererà elettricità rinnovabile sufficiente per alimentare l'equivalente di oltre 32.000 abitazioni, mentre almeno 65% del terreno saranno utilizzati anche per colture agricole. 

In attesa 

Il concetto di parchi solari agrivoltaici sta iniziando a guadagnare terreno. Non c’è dubbio che la sicurezza alimentare in Europa sia fondamentale, soprattutto alla luce delle siccità, delle inondazioni e degli incendi boschivi osservati in tutto il continente negli ultimi anni. Ma una delle più grandi minacce alla sicurezza alimentare è il cambiamento climatico, e poiché l’energia solare è la chiave per invertire gli effetti di questo, è un amico, non un nemico. I parchi solari agrivoltaici offrono una soluzione vantaggiosa per tutti e sono sempre più riconosciuti da entrambi i settori come essenziali se vogliamo raggiungere lo zero netto.  

Other news

Francesca Di Carlo - Cero Generation News

Francesca Di Carlo appointed as non-executive Chairperson of Cero Generation

London, UK – Cero Generation (“Cero”), a leading specialist in solar energy development, production, and battery storage across Europe, today announced that Francesca Di Carlo ...
Cero Generation Italian Agrivoltaic aerial view. News

Cero Generation’s 70MW Italian agrivoltaic project goes live, backed by agreements with Philips and HEINEKEN 

Cero Generation (Cero) has today announced that Pontinia, its 70MW solar PV project in Italy, has now gone live. The project is the first in ...
Solar Farms and Biodiversity. Insights

Solar farms and biodiversity – time to debunk some myths 

Switching to the security of home-grown energy, such as solar, is quickly becoming a priority. With this expansion naturally comes points of contention, and a ...
it_ITItaliano

Name

Content