Generazione Cerone

Fattorie solari e biodiversità: è tempo di sfatare alcuni miti 

7 agosto 2023
Approfondimenti

Poiché l’UE e il Regno Unito mirano a raggiungere l’obiettivo di zero emissioni entro il 2050, il passaggio alla sicurezza dell’energia prodotta internamente, come quella solare, sta rapidamente diventando una priorità. Nell’ottobre dello scorso anno, la Commissione europea ha approvato la creazione di un nuovo Alleanza europea dell’industria solare fotovoltaica, con l'obiettivo di creare 320 GW di solare fotovoltaico entro il 2025 e 600 GW entro il 2030.  

Con questa espansione nascono naturalmente punti di contesa e un dibattito chiave è incentrato sull’uso del nostro limitato spazio terrestre.  

Per una serie di ragioni, la natura in tutta Europa è in pericolo. In Gran Bretagna i prati fioriti sono diminuiti del 97% dagli anni ’30, in gran parte a causa dell’agricoltura intensiva e della crescita demografica. La cosa più allarmante, tuttavia, è che i principali impollinatori, come api, farfalle e uccelli, sono successivamente in declino. Ciò non riguarda solo l’ambiente, ma anche l’economia: gli impollinatori valgono circa 153 miliardi di euro all’anno. In questo contesto, sono emerse preoccupazioni sugli effetti dei progetti di energia rinnovabile sulla biodiversità.   

Recentemente abbiamo affrontato i vantaggi dell’agrivoltaico, sfatando i miti secondo cui i terreni coltivabili e i parchi solari non sono in grado di funzionare in tandem. Il punto chiave si ripercuote su questo dibattito: i terreni utilizzati per i parchi solari non devono essere un’opportunità persa per gli altri stakeholder. Il territorio protetto e coltivato per i parchi solari può essere uno spazio in cui preserviamo e coltiviamo la biodiversità. I parchi solari e i terreni utilizzati nella conservazione hanno le stesse motivazioni e obiettivi. Qui esploriamo i benefici che i parchi solari apportano alla conservazione se gestiti correttamente e la necessità di politiche per garantire che ciò avvenga.  

Il mito: i parchi solari danneggiano la fauna selvatica 

È stato affermato che i parchi solari possono frammentare gli habitat e che i pannelli fotovoltaici possono influenzare il movimento delle specie, i nascondigli, le strategie di predazione e la disponibilità di cibo. Si dice che uccelli e pipistrelli confondano i pannelli solari con le fonti d’acqua, e potrebbero esserci anche effetti sui microclimi e sulla temperatura locali.  

Tuttavia, la ricerca1 condotti per dimostrare gli effetti dannosi dell’energia solare sulla biodiversità sono molto limitati. Le recensioni hanno sottolineato la sua scarsa robustezza e il danno riportato può essere mitigato con un'adeguata gestione del territorio, che non era stata adeguatamente messa in atto in precedenza. Se gestiti correttamente, i parchi solari e la biodiversità possono integrarsi notevolmente.   

Il solare può apportare benefici alla biodiversità 

In realtà, i parchi solari possono, in giuste circostanze di gestione del territorio, apportare benefici significativi alla biodiversità. Un parco solare ben gestito può diventare una riserva naturale per tutta la sua vita operativa, poiché significa che il territorio è protetto da altri usi. I parchi solari necessitano di un disturbo antropico minimo e possono restare in funzione per 30-40 anni, fornendo riparo a specie e fiori selvatici e realizzando le missioni di rinaturalizzazione dell’Europa.  

Esistono diverse iniziative di conservazione che possono essere implementate. Piantare siepi e creare prati di fiori selvatici è più che possibile sotto i pannelli solari, e questo habitat può beneficiare di un’ampia gamma di fauna selvatica, al riparo da condizioni meteorologiche estreme, venti e forti piogge. Uno studio2 condotto nel 2013 ha valutato la biodiversità in quattro parchi solari durante la mezza estate, incluso un terreno di controllo per ciascuno, mantenuto nelle stesse condizioni. Hanno scoperto che “tutti e quattro i parchi solari hanno mostrato una qualche forma di aumento della biodiversità rispetto ai loro appezzamenti di controllo. Ciò indica che la gestione del territorio associata ai parchi solari è stata più vantaggiosa per gli indicatori di biodiversità (erbe, bombi e farfalle) rispetto al precedente utilizzo dei terreni coltivabili.”  

Come risultato dell’aumento dei fiori selvatici e degli impollinatori, i terreni utilizzati per i parchi solari possono diventare un rifugio per specie più grandi, tra cui lepri, ricci e poiane che pascolano e si rifugiano in questi spazi condivisi. Eden Rinnovabili sta gestendo gli ampi margini attorno ai parchi solari per produrre praterie che costituiscono il terreno di nidificazione per uccelli e mammiferi più grandi. Hanno avuto successo nel loro approccio in un parco solare nel South Devon, dove il terreno è stato gestito per incoraggiare la riproduzione degli uccelli selvatici. Ciò ha provocato due avvistamenti di una specie di uccello rara e in via di estinzione, lo Zigolo, che si trova solo in un'area molto piccola del Regno Unito. 

Al di là della vita operativa di un parco solare, il terreno non viene perso o danneggiato. I terreni agricoli solari sono interamente reversibili e sostenibili, consentendo ai siti di continuare a contribuire agli obiettivi di biodiversità. Altri vantaggi dei parchi solari sulle misure complessive di biodiversità includono la mitigazione delle inondazioni, lo stoccaggio del carbonio e la mitigazione dell’erosione del suolo. Il valore ecologico dei parchi solari è infatti riconosciuto da organizzazioni come il National Trust, la RSPB, il Bumblebee Trust e Friends of the Earth.  

Immagine: Solar Energy UK: guida alle migliori pratiche sulla biodiversità del solare fotovoltaico, maggio 2022  

Le regole di gestione del territorio devono essere seguite e aggiornate 

Affinché i parchi solari possano davvero apportare benefici alla biodiversità, è fondamentale che siano adottate e seguite alcune misure. La guida sulla biodiversità del BRE National Solar Center per gli sviluppi solari fornisce uno sguardo approfondito su come monitorare e riferire sui siti solari per continuare a dare priorità alla biodiversità. Ciò include il controllo delle erbacce, i danni causati dalle brucature (dove hanno pascolato animali come i cervi) o i raccolti morti e il conteggio regolare della flora e della fauna.  

Uno studio3 dal 2017 ha raccomandato di sviluppare procedure operative rispettose della biodiversità, tra cui:  

  • Installazione/mantenimento di elementi di confine quali siepi, fossati, muri in pietra, prati accidentati, margini dei campi e macchia 
  • Piantare strisce di polline e nettare 
  • Recinzioni di sicurezza: coltivano piante rampicanti, ad esempio il caprifoglio, e assicurano che ci sia uno spazio tra la base delle recinzioni e il terreno per consentire il passaggio di piccoli animali selvatici 
  • Habitat di praterie – ad esempio prati fioriti e praterie tussocky 
  • Pascolo controllato delle pecore tra i pannelli, con una pausa in primavera ed estate per consentire la crescita della vegetazione 
  • Installazione di strutture artificiali come cassette nido, ibernacoli e cataste di tronchi 

Sebbene sia importante sfidare gli stereotipi dannosi secondo cui i parchi solari causano danni, dobbiamo assicurarci che ciò sia supportato da politiche e gestioni che continuino a soddisfare i criteri di biodiversità, in modo che i due possano continuare a completarsi a vicenda. Non esistono due progetti uguali, non esiste un approccio unico per proteggere la biodiversità nei parchi solari. È necessario un approccio su misura per garantire che i fattori ambientali locali siano presi in considerazione.  

La fattoria solare verde delle allodole di Cero  

A Cero abbiamo recentemente annunciato il successo dell'energizzazione del parco solare Larks Green, un progetto situato appena fuori Bristol. Estendendosi su 250 acri, è una grande dimostrazione di come i parchi solari possano preservare la fauna locale e gli habitat esistenti, oltre a migliorare la biodiversità. Rispetto ai seminativi, le aziende pastorali come Larks Green sono intrinsecamente più ricche di biodiversità rispetto alla compensazione e il nostro obiettivo era quello di sfruttare la biodiversità già presente nell’area, assicurandoci di proteggere e valorizzare l’ambiente locale.  

Basarsi sulle risorse naturali esistenti di Larks Green è stato un principio fondamentale nello sviluppo del progetto fotovoltaico. L'integrazione di 10 cassette per uccelli in tutto il sito promuove gli habitat aviari e incoraggia la fioritura delle specie di uccelli locali. Il team ha creato 9,9 chilometri di nuova siepe e piantato 9 ettari di fiori selvatici, entrambi elementi essenziali per sostenere una vasta gamma di specie animali e vegetali. Queste iniziative vanno oltre quanto richiesto dalla legge, dimostrando il nostro crescente impegno per la sostenibilità e la responsabilità ambientale. Il programma di monitoraggio annuale in corso di Larks Green garantirà che l'ecosistema del sito rimanga in ottime condizioni. Siamo determinati a rimanere all'avanguardia nella promozione della biodiversità, anche quando non è esplicitamente richiesta nei regolamenti di pianificazione. 

Il parco solare Larks Green di Cero è un ottimo esempio di come l'energia rinnovabile e la conservazione della biodiversità possano andare di pari passo. Superando le aspettative standard e abbracciando pratiche innovative, siamo orgogliosi di contribuire positivamente all’ambiente, promuovendo al contempo un futuro più luminoso e più pulito per le generazioni a venire. Mentre continuiamo ad espandere le nostre iniziative ed esplorare nuove opportunità, Larks Green funge per noi da modello futuro. 

Immagine: Parco solare Larks Green

Dove ci troviamo 

Di fronte al continuo declino di api, farfalle e uccelli in tutta Europa, dobbiamo garantire un’attenta considerazione dell’ambiente naturale. Nel lungo termine, i parchi solari possono apportare benefici alla biodiversità mitigando gli impatti dei cambiamenti climatici. Sebbene le preoccupazioni sulla possibilità che nel breve termine i parchi solari danneggino la biodiversità siano fondate, le prove dimostrano che con adeguati piani di gestione del territorio, possono effettivamente fornire un rifugio per specie e habitat e aumentare la biodiversità. 

In definitiva, l’energia solare svolge un ruolo cruciale nella risoluzione della crisi climatica e noi vogliamo essere in prima linea e al centro della transizione dell’Europa verso l’energia zero. Noi di Cero Generation riconosciamo che siamo ancora in questo viaggio, imparando dalla scienza e dalle migliori pratiche per sviluppare progetti solari che continuino a favorire la biodiversità. Ci impegniamo a svolgere il ruolo di educatori, per contrastare i falsi miti sui temi legati all’energia solare, esortando il settore a proteggere e valorizzare la biodiversità, affrontando allo stesso tempo la sfida dell’zero emissioni nette. 

[1] https://infrastructure.planninginspectorate.gov.uk/wp-content/ipc/uploads/projects/EN010118/EN010118-000503-Prof.%20Mike%20Alder%20-%20Other-%20Biodiversity%20Ecology%20and%20natural%20Environment.pdf

[2] http://assets.lightsource-re.com.s3.amazonaws.com/2020/06/Solar-and-Biodiversity-Report-Parker-McQueen-2013d.pdf

[3] Gasparalos et al (2017)

Other news

Francesca Di Carlo News

Francesca Di Carlo appointed as non-executive Chairperson of Cero Generation

London, UK – Cero Generation (“Cero”), a leading specialist in solar energy development, production, and battery storage across Europe, today announced that Francesca Di Carlo ...
Cero Generation Italian Agrivoltaic aerial view. News

Cero Generation’s 70MW Italian agrivoltaic project goes live, backed by agreements with Philips and HEINEKEN 

Cero Generation (Cero) has today announced that Pontinia, its 70MW solar PV project in Italy, has now gone live. The project is the first in ...
Delivering a net zero future together. News

Cero Generation strengthens its leading position in the European renewables market by taking full ownership of Nara Solar, purchasing Univergy Solar’s 50% stake

London, UK – Cero Generation (Cero), a leading European specialist in solar energy development, production, and storage, has become the sole owner of Nara Solar.  ...
it_ITItaliano

Name

Content