Oltre COP27: le aspettative in tutta Europa

24 novembre 2022

Nell'anno trascorso dall'ultima COP a Glasgow, nel Regno Unito, abbiamo assistito a segnali inequivocabili dell'emergenza climatica in corso, da inondazioni devastanti a ondate di caldo e siccità senza precedenti. Tuttavia, i paesi di tutto il mondo hanno anche affrontato gli impatti delle crisi energetiche, alimentari e del costo della vita e, di conseguenza, abbiamo visto solo 29 paesi su 194 farsi avanti con piani climatici nazionali rafforzati. Si sperava che la conferenza di quest'anno fosse la "COP di attuazione". Con un'altra iterazione ora completata, esaminiamo se è stata consegnata e cosa deve accadere dopo.

Nonostante alcune azioni promettenti, tra cui una serie di mosse simboliche su perdite e danni, molti vedranno la COP27 come l'ennesima occasione persa per mantenere le temperature globali al di sotto della soglia di 1,5°C. Lo stesso Energy Day non è riuscito a realizzare una "transizione giusta" lontano dai combustibili fossili. In effetti, alla COP27 c'erano più lobbisti sui combustibili fossili che in qualsiasi altra conferenza precedente, nonostante il settore energetico stia attualmente contribuendo con circa tre quarti delle emissioni di gas serra globalmente.

Andando avanti, è nostra speranza che l'Europa continui ad agire come leader nella riforma energetica. Il Green Deal dell'UE ha definito una serie di proposte per rendere le politiche della regione idonee a ridurre le emissioni di gas serra di 55% entro il 2030, compreso il piano REPowerEU per costruire un nuovo sistema energetico. Ma ogni paese in Europa sta iniziando da un punto diverso, ha sfide uniche da superare e dovrà identificare le soluzioni che funzionano meglio per loro e per il pianeta.

Abbiamo parlato con i nostri team in tutta Europa per scoprire cosa vogliono che accada oltre la COP27 e le azioni che devono essere intraprese per far avanzare ogni paese nella transizione energetica.

Regno Unito

Alla COP27, Rishi Sunak ha affermato che “il clima e la sicurezza energetica vanno di pari passo, l'aberrante guerra di Putin in Ucraina e l'aumento dei prezzi dell'energia in tutto il mondo non sono un motivo per rallentare il cambiamento climatico. Sono un motivo per agire più velocemente”. E nel Regno Unito, il lancio dell'energia pulita sta andando nella giusta direzione. Le fonti rinnovabili, tra cui eolico e solare, ora compensano più del 40 per cento del suo approvvigionamento energetico - un aumento di quattro volte rispetto a un decennio fa, e il comitato di audit ambientale ha appena annunciato che è pronto a esaminare il ruolo che le tecnologie di energia solare a terra possono svolgere nel viaggio del Regno Unito verso lo zero netto.

Tuttavia, ci sono ancora ostacoli da superare e atteggiamenti da cambiare. Solo la scorsa settimana, il segretario all'ambiente Thérèse Coffey ha confermato le restrizioni sui parchi solari costruiti su terreni agricoli. Il nostro team nel Regno Unito spera di vedere piani concreti per affrontare gli ostacoli allo sviluppo del solare.

Declan Deasy, Chief Operating Officer con sede nel Regno Unito, dice “Nel bel mezzo di una crisi energetica globale, la diffusione delle energie rinnovabili deve essere al centro della conversazione sul clima. Il solare è economico, ecologico e di produzione propria e deve svolgere un ruolo fondamentale nella nostra ricerca dello zero netto. Nel Regno Unito, stiamo assistendo a forti tendenze di crescita sottostanti nel settore, un elevato sostegno pubblico per il solare e continui sviluppi nella tecnologia fotovoltaica.

“L'obiettivo di quintuplicare la capacità solare entro il 2035 nella strategia di sicurezza energetica del governo è realizzabile, ma dobbiamo affrontare gli ostacoli a un'implementazione diffusa, che includono una rete limitata e la carenza di forza lavoro. Le discussioni sulle sfide che devono affrontare la diffusione delle energie rinnovabili dovrebbero essere in prima linea nella conversazione".

Grecia

Ottobre ha visto promettente notizia per la transizione net zero in Grecia, con il paese che funziona interamente con energia rinnovabile per cinque ore per la prima volta nella storia. Si tratta di un traguardo importante in quanto la Grecia punta a più che raddoppiare la sua capacità di energia verde e a fare in modo che le energie rinnovabili rappresentino almeno 70% del suo mix energetico entro il 2030. Nell'ultimo decennio, la strada per la diffusione delle energie rinnovabili in Grecia ha incontrato ostacoli e periodi di stagnazione, ma questo risultato dimostra che un sistema elettrico con quote crescenti di rinnovabili è fattibile e alla portata. Abbiamo bisogno di vedere la volontà politica e un'azione coraggiosa da parte del governo greco per arrivarci.

Stefanos Lialios, Country Manager in Grecia, dice: “Servono azioni più concrete, un'accelerazione della penetrazione delle rinnovabili, che è un po' in stallo, e la definizione di obiettivi ambiziosi e raggiungibili. Dobbiamo riportare la nostra attenzione sulla lotta al cambiamento climatico, che è scivolata in basso a causa della crisi energetica e delle guerre.

“In Grecia, abbiamo bisogno di una tabella di marcia chiara per la decarbonizzazione e maggiori investimenti nella rete in modo da poter accelerare il lancio delle energie rinnovabili. Dobbiamo muoverci a un ritmo più veloce di quello che stiamo facendo in questo momento”.

Francia

In Francia, la spinta alle energie rinnovabili del presidente Macron ha portato negli ultimi mesi ad alcuni impegni climatici impressionanti. La settimana scorsa, legislazione è stato approvato che richiederà che tutti i grandi parcheggi siano coperti da pannelli solari. I politici francesi stanno anche esaminando proposte per costruire parchi solari su terreni vuoti vicino ad autostrade e ferrovie. Siamo estremamente incoraggiati dai nuovi piani, ma ci sono ancora vincoli normativi e processi amministrativi che stanno rallentando il ritmo del cambiamento.

Eric Elbaz, Country Manager in Francia, dice: “Dobbiamo vedere il rispetto degli impegni presi alla COP26 accelerando gli investimenti nelle energie rinnovabili e pulite. Per raggiungere CO2 obiettivi di riduzione e limitare l'aumento delle temperature globali a 1,5°C, dobbiamo sviluppare un'economia verde e mantenere le promesse riguardanti la fornitura di aiuti ai paesi più poveri per affrontare la crisi climatica.

"Nel contesto della crisi energetica, il governo francese deve promuovere soluzioni alternative che proteggano l'ambiente liberando terreni e semplificando le regole amministrative".

Italia

L'Italia è uno dei paesi più importanti in Europa e nel mondo per quanto riguarda la produzione di energia rinnovabile. Il solare rappresenta un quinto di tutta l'energia verde prodotta lì e soddisfa tra 7-8% del fabbisogno energetico totale della nazione. Quest'anno l'Italia è stata all'avanguardia nello sviluppo di progetti agrivoltaici, introducendo a Schema da 1,2 miliardi di euro sostenere gli investimenti per la diffusione di pannelli solari fotovoltaici nel settore agricolo.

Tuttavia, la pipeline di progetti di energia rinnovabile è ancora relativamente difficile da sbloccare, poiché il quadro normativo del paese rappresenta un ostacolo allo sviluppo e alla costruzione dei progetti.

Federica Gallina, Direttore Sviluppo Italia, dice: “Abbiamo bisogno di un chiaro percorso tracciato per l'assistenza finanziaria a progetti che combinino l'energia rinnovabile con il sostegno all'agricoltura e alla produzione alimentare. In Italia, abbiamo anche bisogno di istruzioni chiare per le autorità nazionali e locali per supportare l'impiego di capitali in progetti di energia rinnovabile, con un processo di autorizzazione semplificato e chiaro”.

In tutta Europa, è chiaro che il solare sarà una pietra miliare della transizione globale verso l'energia pulita e le emissioni nette zero. Per limitare l'aumento della temperatura globale media a 1,5°C, secondo l'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (International Renewable Energy Agency) l'impiego di energia eolica e solare deve accelerare di un fattore quattro in questo decennio e di un fattore dieci entro il 2050.IRINA).

In definitiva, mentre ogni paese si trova in una fase diversa del proprio viaggio e ha ostacoli individuali da superare, sono uniti dalla necessità di offrire un ritmo di cambiamento più rapido. Ciò richiederà uno sforzo enorme da parte dei responsabili politici, degli investitori e dello stesso settore energetico. Le tecnologie necessarie per realizzare le ambizioni net zero esistono, ma l'opportunità andrà persa senza un'azione rapida e coraggiosa. Andando avanti, abbiamo bisogno di maggiori investimenti nell'energia pulita, collaborazione tra il settore pubblico e privato e piani d'azione chiari per rimuovere gli ostacoli alla diffusa diffusione del solare.

Other news

it_ITItaliano

Name

Content